domenica 12 ottobre 2014

Conferenza stampa sulla bonifica della SAIBI a Margherita

Dovranno terminare entro il mese di luglio del 2015 i lavori di bonifica e messa in sicurezza dell’area ex Saibi. Una scadenza perentoria per non perdere i finanziamenti regionali destinati a questo intervento che si trascina ormai da otto anni (il progetto preliminare risale al 2006). Ad annunciarlo il sindaco, Paolo Marrano, nel corso dell’incontro pubblico, ospitato nell’auditorium del Liceo Scientifico, dal titolo “Bonifica ex Saibi: la sicurezza prima di tutto”. E sul tema della sicurezza si è incentrato l’intervento dell’ingegnere Lorenzo Bonomo, progettista e direttore dei lavori che ha illustrato gli interventi che saranno realizzati entro luglio del prossimo anno, per rendere l’area di 16mila metri quadrati dell’ex Saibi un parco pubblico.

L’intento dell’incontro con la cittadinanza “è stato quello di diffondere tranquillità nella popolazione” ha spiegato ancora il sindaco. Si interverrà nella massima sicurezza, gli ha fatto eco il direttore dei lavori, ingegner Bonomo, a cominciare dall’operazione di smontaggio delle torri e del manufatto presente ancora sul terreno della ex Saibi. Il sottosuolo dell’area interessata dalla bonifica sarà tombato, mentre la parte superficiale verrà coperta con un capping impermeabile, così da evitare che l’acqua piovana possa infiltrarsi nella falda sottostante.

In conclusione dell’incontro il sindaco ha annunciato di aver chiesto alla Regione Puglia di allargare le caratterizzazioni (ossia, l'analisi a campione dei suoli) ai terreni circostanti all’area interessata dalla bonifica e che queste, in mancanza di fondi regionali, saranno effettuate grazie ad un progetto della Provincia Bat.

L'incontro pubblico era stato annunciato precedentemente alcuni giorni prima con una nota della società Teorema che sta effettuando i lavori (bat.ilquotidianoitaliano.it/dalla-provincia/2014/10/news/margherita-di-savoia-bonifica-ex-saibi-conclusa-a-luglio-2015-47494.html/). Ma in realtà l'appuntamento con data e luogo è stato diffuso dal Comune soltanto alcune ore prima (impossibile saperlo, dunque, come già accaduto in passato...), cosicché piuttosto che di un incontro pubblico si è trattato dell'ennesima conferenza stampa monodirezionale e senza il contraddittorio annunciato, che dovrebbe venire in sede istituzionale. La bonifica dei terreni, la loro eventuale rimozione in qualità di rifiuto speciale, resta una "promessa".

Nessun commento:

Posta un commento