lunedì 4 febbraio 2013

MA L'INCENERITORE DI BORGO TRESSANTI E' ACCESO?

“Ma l'inceneritore di Borgo Tressanti è acceso?”, è la domanda che si pongono retoricamente il blog 3 Santi all'Inferno e gli Amici di Beppe Grillo di Cerignola. Polemica contro la facile arrendevolezza dell'amministrazione comunale di Cerignola, che non ha richiesto i nuovi documenti. Su internet circolano già le foto dei primi fumi tossici che sbucano dalla ciminiera, senza nessun controllo che sia una centralina della qualità dell'aria o i campionatori di diossina sulle case sparse in quel di Posta Angeloni, ai confini con l'agro di Manfredonia, dove sorge il “forno Marcegaglia”. Ma non chiedetelo al sindaco di Cerignola o all'assessore all'ambiente, non lo sanno! Il Sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi nemmeno. E' come se non esistessero ... Ma il Comune di Cerignola non doveva essere avvisato dell'accensione, come sostiene l'assessore Stefano Palladino in base all'AIA (autorizzazione integrata ambientale)? Inoltre, sappiamo che nel luglio 2012 sono state fatte delle modifiche all'impianto e alla relativa autorizzazione, che il Comune di Cerignola ha impugnato dinanzi al Consiglio di Stato, perché non valida a vista dell'avvocato di Acerra Tommaso Esposito, dei comitati spontanei e dei consulenti del Comune di Cerignola. Il Comune di Cerignola, infatti, non avrebbe gli atti necessari, e nemmeno li avrebbe richiesti alla Regione Puglia o al Comune di Manfredonia. Se i fatti stanno così, consigliamo all'amministrazione comunale di fare i compiti a casa prima del consiglio comunale di oggi (martedì) 5 febbraio. Le chiacchiere stanno a zero! In realtà, il Comune di Cerignola ha aderito alla strategia rifiuti zero, ma la SIA FG4 avrebbe visto, negli scorsi mesi, lo stanziamento in suo favore di fondi regionali, per acquistare un tritovagliatore per produrre 'frazione secca combustibile' da inviare nel cancrovalorizzatorie vicino a Borgo Tressanti. Perché l'amministrazione comunale e l'amministratore unico della ex municipalizzata di Cerignola non relazionano? Perché nessuno dice che stanno approvando un altro inceneritore nei pressi di Borgo Tressanti, precisamente alla località Bonassisa, in agro di Carapelle? Anche in questo caso, questo consiglio comunale aveva deliberato nel 2010 un netto “NO”, contemporaneamente all'adesione unanime alla Strategia Rifiuti Zero. Se vogliamo ascoltare qualcosa di sensato al consiglio comunale, allora facciamo parlare l'Osservatorio Rifiuti Zero, che ha indirizzato ieri una lettera al consiglio comunale con una serie di punti che interesserebbero il Comune per portare avanti la causa della salvaguardia del territorio e della salute. Se l'AIA dell'inceneritore è stata modificata, bisogna annullare tutte le autorizzazioni. Cerignola, 5 febbraio 2013 Amici di Beppe Grillo Cerignola http://amicidibeppegrillocerignola.blogspot.it/ Blog “3 Santi all'Inferno” http://noinceneritoretressanti.blogspot.com/

Nessun commento:

Posta un commento