domenica 16 ottobre 2011

Il registro tumori nella provincia di Foggia


Oggetto: Resoconto attività Registro Tumori Puglia (ASL Foggia)

Il Registro Tumori della Regione Puglia (RTP), l’unico registro sul territorio nazionale ad avere effettiva copertura regionale, è stato istituito con DGR 1500/2008, con la quale veniva stabilito anche il modello organizzativo, che prevede un centro di coordinamento allocato presso l’IRCCS “Giovanni Paolo II” e sezioni periferiche all’interno delle UOSE di ciascuna ASL.

Nel marzo 2009 è stato nominato un Comitato Tecnico Scientifico (CTS), presieduto dal prof. Giorgio Assennato, che ha compiti di indirizzo e verifica, nonché di raccordo con le autorità regionali.

Nel corso del 2009 è stato costituito il centro di coordinamento, attraverso il reclutamento, per mezzo di selezione pubblica, del personale stabilito dalla DGR: n. 2 addetti alla rilevazione e codifica, n. 1 statistico, n.1 tecnico-informatico, n. 2 addetti alla segreteria.

In data 24.11.2009, l’Assessore alle Politiche per la Salute inviava la nota prot. 24/760/SP al management della ASL di Taranto, al Direttore Generale dell’IRCCS Giovanni Paolo II, al Coordinatore del CTS e al Dirigente Servizio ATP, con la quale si chiedeva alla ASL Taranto di assicurare, attraverso la propria Struttura di Statistica e di Epidemiologia, lo svolgimento di attività specifiche per lo start up del modello tecnico-organizzativo del RTP.

In data 14.12.2009 con nota prot. 24/790/SP l’Assessore alle Politiche per la Salute inviava una nuova nota, ai componenti del CTS e al Presidente della Giunta Regionale, con la quale invitava a voler definire con la dovuta urgenza una soluzione organizzativa, logistica e tecnica, idonea ad assicurare la piena efficienza al coordinamento operativo regionale.

Pertanto, nel corso del 2010 il personale del centro di coordinamento ha supportato le attività della ASL di Taranto per le attività di raccolta e codifica dei casi incidenti del periodo 2006-2008.

La sezione di attività di Taranto del Registro Tumori è stata istituita con Deliberazione del Direttore Generale ASL n.8 del 11/1/2010 e con Deliberazione del Direttore Generale ASL n.539/2010 è stato attivato un Tavolo di Lavoro locale che coinvolge tutti gli operatori del settore provinciali, nonché rappresentanti di associazioni ambientaliste.

E’ stato implementato un software gestionale progettato ad hoc da un esperto consulente informatico dell’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM, la struttura deputata all’accreditamento dei registri), a seguito di sottoscrizione di contratto, ed è stato avviato il recupero delle fonti informative rappresentate da:

- Anagrafe assistibili storicizzata

- Archivio SDO (dal 1998 al 2010)

- Archivio Mortalità (dal 1998 al 2008)

- Archivio Esenti ticket

- Recupero degli archivi clinici locali (ematologia, oncologia, radioterapia)

- Commissioni invalidità civile (solo parzialmente informatizzate)

- Archivi di anatomia patologica locali

Nel mese di novembre è stata reclutata, attraverso una procedura di selezione pubblica, una unità di personale addetta alla rilevazione dei casi.

Parallelamente il centro di coordinamento ha assicurato il recupero degli archivi a valenza regionale:

- Specialistica ambulatoriale

- Archivi di anatomia patologica regionali: questi ultimi, gravati da una situazione di estrema eterogeneità, sono stati uniformati e, quando necessario, dotati delle opportune codifiche. I referti recuperati ammontano a quasi due milioni, di cui oltre 300.000 hanno necessitato di transcodifica.

Il centro di coordinamento ha creato un portale ad interfaccia web cui si accede tramite password personalizzata per l’accesso online agli archivi regionali. E’ inoltre responsabile del recupero delle cartelle cliniche relative ai ricoveri extraregionali (che corrispondono a non meno del 10% del totale dei ricoveri oncologici).

In questo modo, incrociando tutte le fonti, nel settembre 2010 si è pervenuti alla generazione di una casistica di partenza, per il solo 2006, di circa 5600 casi, che sono esaminati singolarmente al fine di procedere alla produzione dei casi effettivamente incidenti (i casi incidenti attesi nel 2006 per la provincia di Taranto sono circa 3000-3200). A fine febbraio 2011, l’80% della casistica è stata esaminata e si conta di fornire le stime preliminari di incidenza entro il mese di marzo 2011.

Nel mese di novembre 2010 si è tenuto il primo corso di formazione regionale per operatori del RTP presso l’IRCCS Giovanni Paolo II di Bari, che ha visto la partecipazione di 25 persone.

Pertanto,

1. L’analisi dell’attuale collocazione e sistematizzazione dei flussi sanitari
2. La verifica dell’efficacia e dell’efficienza dei flussi di lavoro sperimentati nella fase di start up realizzata presso la ASL di Taranto
3. L’opportunità di collocare le funzioni di codifica presso le ASL dotate di personale specificamente formato, anche per minimizzare i problemi di privacy
4. La revisione dei modelli di funzionamento in atto presso i diversi Registri attivi nel territorio nazionale
5. La necessità di definire modelli gestionali-organizzativi validi a livello regionale, per consentire l’avvio delle attività anche nelle altre ASL in tempi ragionevoli,

hanno condotto alla opportunità di generalizzare e formalizzare quanto esperito presso la ASL di Taranto, attraverso il documento “Schema di funzionamento del RTP”, presentato nel corso della riunione del CTS del 14.12.2010, che rispecchia analiticamente le fasi di lavoro attuate presso la ASL Taranto come sopra descritte.

A valle dell’approvazione dello schema di funzionamento, si è proceduto a:

- Redigere il Manuale Operativo del RTP, a cura del consulente esperto che è anche coordinatore del Manuale delle procedure AIRTUM di prossima pubblicazione

- Installare il software gestionale presso il centro di coordinamento, che a partire da gennaio 2011, ha generato la casistica della ASL di Brindisi

- Installare il software presso la ASL BAT che, a partire da gennaio 2011, ha generato la casistica della ASL BAT e avviato la raccolta dei casi 2006 (35% di casistica del 2006 già elaborata)

- Aggiornare secondo il nuovo modello di funzionamento il software già esistente presso la ASL Lecce (presso cui operava un Registro finanziato dalla Provincia, che ha prodotto e pubblicato i dati di incidenza 2003-2004 ed è attualmente impegnato sul 2005, per concludere il triennio necessario ad avviare il processo di accreditamento)

- Avviare la raccolta dei flussi sanitari presso la ASL Foggia, presso cui, entro fine marzo, sarà generata la casistica.

Tutte le ASL attivate hanno l’obiettivo realizzativo di produrre l’incidenza relativa al triennio 2006-2008.

In particolare, si conta di realizzare l’incidenza 2006 entro un anno dalla generazione della casistica e di completare il triennio nei due anni successivi al termine dei quali avviare il processo di accreditamento.

Per quanto riguarda la ASL Foggia il settore di attività Registro Tumori ASL Foggia è stato istituito con Deliberazione del Direttore Generale ASL FG, n. 4 del 11/01/2011 ed è stato individuato il Gruppo di Lavoro (a supporto delle attività del Settore “Registro Tumori” della S.C. di Statistica ed Epidemiologia dell’Asl FG) attivato con Deliberazione Direttore Generale ASL FG, n. 5 del 11/01/2011.

Con Deliberazione del Direttore Generale ASL FG, n. 6 del 11 gennaio 2011 è stato attivato il Tavolo di Lavoro locale.

Il responsabile del Registro Tumori – Sezione ASL Foggia è il Direttore della UOSE della ASL, dr. Fernando Palma, che sta curando le attività.

Nel dettaglio, i flussi locali recuperati sono:

- Anagrafe assistibili storicizzata

- Archivio SDO (dal 1998 al 2010)

- Archivio Mortalità (dal 1998 al 2009)

Contatti Fernando Palma (c/o):
Azienda USL FG/1
Unità di Epidemiologia e Statistica

*

Responsabile: Fernando Palma
*

Tel.: 0882 200348
*

Fax: 0882 200348
*

Indirizzo: Via Curtatone, 71 71016 SanSevero(FG)


Per quanto riguarda gli archivi clinici locali (ematologia, oncologia, radioterapia), è stata effettuata una ricognizione delle fonti e avviati i contatti per l’acquisizione degli archivi come di seguito identificati:

- Oncologia
Presidio Informatizzato Stato di recupero
Asl FG (Attività territoriale) SI Totale
San Marco in Lamis SI Totale
Lucera SI Totale
IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza”
San Giovanni Rotondo SI Di imminente acquisizione
Ospedali Riuniti Foggia SI Di imminente acquisizione

- Ematologia
Presidio Informatizzato Stato di recupero
Asl FG (Attività territoriale) SI Totale
IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” San Giovanni Rotondo SI Di imminente acquisizione
Ospedali Riuniti Foggia SI Di imminente acquisizione

- Radioterapia
Presidio Informatizzato Stato di recupero
IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza”
San Giovanni Rotondo SI Di imminente acquisizione
Ospedali Riuniti Foggia SI Di imminente acquisizione

- Hospice
Presidio Informatizzato Stato di recupero
Ospedale “Santa Maria Bambina”
Foggia SI Totale

Le Commissioni di invalidità civile già contattate hanno a disposizione archivi cartacei che verranno consultati quando necessario.

Per quanto riguarda gli archivi di anatomia patologica locali, sono già presenti nel portale regionale i referti dell’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” dal 2003 al 2008 (oltre 80.000 referti). E’ in corso in questi giorni l’aggiornamento dell’archivio e il recupero dell’archivio degli Ospedali Riuniti di Foggia.

A questi dati, si aggiungono ovviamente gli archivi regionali messi a disposizione dal centro di coordinamento.

Entro il mese di marzo 2011 verrà generata la casistica iniziale, da cui procedere per la produzione delle stime di incidenza per il periodo 2006-2008.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Siglato tra la Commissione per il Diritto alla salute e l’Asl Foggia per partecipare all’iniziativa regionale. [27/09/2011]

Si è riunita ieri mattina, 26 settembre, la Commissione speciale per il Diritto alla salute del Consiglio provinciale. Erano presenti il presidente della commissione Enrico Santaniello, il vicepresidente Gaetano Cusenza, i componenti Michele Augello, Attilio Marchegiani, Paolo Mongiello, Roberto Nigro, Antonio Prencipe e l’assessore alla Salute Matteo Cannarozzi. Il lavoro ha interessato questa volta il settore delle neoplasie.

A relazionare sull’incidenza dei tumori nel nostro territorio c’era Fernando Palma, direttore Sc Statistica ed Epidemiologia dell’Asl Fg, il quale ha rassicurato la commissione sulla infondatezza di qualsiasi allarmismo sull’incremento di casi tumorali in alcuni territori di Capitanata.

“L’allarmismo – sostiene Palma – nasce spesso dalla non conoscenza dei dati. L’allungamento della vita in sé ha notevolmente aumentato le possibilità di insorgenza di queste patologie.

In nessuna delle zone del nostro territorio da cui sono pervenuti allarmi, si registrano anomalie o incrementi di patologie tumorali”. Si è poi passato ad analizzare l’importante funzione che si accinge a svolgere il Registro Tumori della Regione Puglia, che proprio di recente è entrato in fase operativa anche nella nostra provincia.

A tal proposito la Commissione ha volentieri aderito all’invito di Palma di inserire nel tavolo scientifico del Registro un rappresentante della Provincia e della Commissione diritto alla salute.

In conclusione dei lavori, la Commissione, su proposta dell’assessore Cannarozzi, ha stabilito di siglare con l’Asl Foggia un protocollo d’intesa per suggellare a pieno titolo la partecipazione della Provincia al Registro dei Tumori.

Nessun commento:

Posta un commento