venerdì 21 gennaio 2011

Termovalorizzatore Tressanti, Giannatempo: "Ci aspettiamo anche benefici"



maggio 2010

Ci auguriamo che la Regione Puglia abbia operato nella giusta direzione per ridurre al minimo l'impatto ambientale del termovalorizzatore". E' l' auspicio del sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, dopo il via libera dell'Assessorato regionale all'Ecologia alla costruzione della struttura, che verrà ubicata in contrada Paglia, nel territorio comunale di Manfredonia, ma a soli cinque chilometri dall'abitato di Borgo Tressanti, la più popolosa delle frazioni di Cerignola con i suoi oltre mille abitanti. Senza alcuna volontà di aprire polemiche con via Capruzzi, il primo cittadino lamenta "il mancato coinvolgimento dei diretti interessati da parte dei funzionari regionali". Il riferimento è appunto agli abitanti di Borgo Tressanti, le cui istanze sono rappresentate dall'Associazione Culturale Giovani per l'Ambiente, iperattiva in termini di opposizione all'inceneritore. Quest'ultima ha duramente criticato, nelle scorse settimane, la Regione per il mancato invito alla Conferenza dei Servizi del 15 aprile, incentrata sul termovalorizzatore. A questo punto, osserva Giannatempo, "visto come sono andate le cose, se vogliamo che la struttura in questione possa portare anche dei benefici alla popolazione, chiediamo al gruppo Marcegaglia di incontrare gli agricoltori di quel territorio per concertare strategie di sviluppo. I coltivatori, infatti, potrebbero essere incentivati a lavorare anche su colture diverse dal grano, come il miglio, in grado di alimentare nuove risorse energetiche utili anche al termovalorizzatore, per evitare che questo sia alimentato solo ed esclusivamente dalle biomasse tradizionali.

Nessun commento:

Posta un commento